Come migliorare l’accessibilità in una casa su due piani

Alcuni consigli per rendere la vostra casa su due livelli accogliente e confortevole in ogni fase della vita

State pensando di trasferirvi in una casa su due piani? Oppure l’abitazione in cui vivete è già disposta su due livelli e volete renderla più accessibile? Sia che vogliate cambiare casa, sia che abbiate deciso di ristrutturarla, dovreste chiedervi come organizzare gli spazi per renderla accogliente in ogni fase della vita.

Infatti, col passare degli anni, le esigenze della vostra famiglia potrebbero cambiare, a maggior ragione se tra i vostri cari ci sono persone diversamente abili o anziane. Inoltre un infortunio o una patologia, anche lievi, potrebbero impedirvi di muovervi liberamente per qualche tempo.

Ecco allora alcuni consigli che speriamo possano aiutarvi a rendere accessibile la vostra casa su due piani e ad organizzare gli spazi in modo funzionale.

Non esiste una definizione universale di casa accessibile

Non c’è una definizione universale di “abitazione accessibile” e non basta l’assenza di barriere architettoniche.

Esistono però alcune regole generali che possono rendere un’abitazione comoda e confortevole per la maggior parte di noi. Vediamo insieme quali sono.

Una giusta disposizione degli spazi: zona giorno al piano terra, zona notte al piano rialzato

Un’abitazione è confortevole se ogni membro della famiglia ha a disposizione uno spazio privato dove riposare e rilassarsi al riparo, ad esempio, da rumori, ospiti inattesi e odori provenienti dalla cucina.

Quindi il primo consiglio per garantire a tutti la privacy desiderata è quello di prevedere la zona giorno (cucina, salotto e sala da pranzo) al pian terreno e la zona notte (camere da letto e bagno) al piano rialzato. È molto importante che il bagno sia vicino alle camere da letto perché, come potete immaginare, sarebbe molto scomodo dover fare le scale per raggiungerlo.

Se possibile, l’ideale sarebbe prevedere un bagno anche al piano terra, perché chi si trova in soggiorno o in cucina possa raggiungere la stanza facilmente, soprattutto i membri della famiglia che faticano a fare le scale, come le persone con difficoltà motorie, gli anziani e i bambini piccoli.

In effetti, se il punto di forza delle case su due piani è la possibilità di dividere chiaramente la zona giorno dalla zona notte, il loro punto di debolezza sono certamente le scale.

Questo ostacolo, però, può essere superato facilmente installando un montascale, che rende molto più semplice passare da una zona all’altra della casa, oppure un miniascensore, che coniuga funzionalità ed estetica, permettendo a tutti di muoversi liberamente per la casa e di trasportare da un piano all’altro oggetti ingombranti, come il passeggino dei bambini o uno scatolone.

Libertà di movimento: corridoi, disimpegni, ambienti ampi e senza ostacoli

La vostra abitazione su due livelli ha corridoi lunghi e stretti e piccoli disimpegni?

Gli ambienti di questo tipo sono un grande ostacolo per chi usa le stampelle o si muove in carrozzina, perché rendono molto difficile il movimento e la rotazione in un verso e nell’altro.

Se e quando è possibile, sarebbe meglio ampliare corridoi e disimpegni per permettere alle persone con difficoltà motorie di entrare e uscire da una stanza all’altra senza il rischio di incastrarsi. Per rendere ancora più semplici gli spostamenti, sarebbe molto utile sostituire le porte a battente con porte scorrevoli, che sono più facili da aprire e occupano meno spazio.

Un altro consiglio: spesso arrediamo i corridoi con mobili e oggetti per renderli esteticamente più piacevoli, ma sarebbe meglio evitarlo perché possono ostacolare il passaggio. Infatti, anche la scelta e la disposizione degli arredi sono fondamentali perché tutti possano muoversi liberamente in casa.

Quando scegliete i mobili per arredare le camere da letto al primo piano e il soggiorno al piano terra, cercate di collocarli in modo da non creare passaggi troppo stretti tra l’uno e l’altro, tenendo conto anche della distanza fra questi, le porte e le finestre. L’ideale poi sarebbe scegliere mobili con i bordi arrotondati, che sono più sicuri anche per i bambini.

Se la zona giorno ospita un angolo studio o è un unico ambiente dove rilassarsi, guardare la TV e leggere, è meglio riporre libri, riviste e DVD in modo che tutti possano raggiungerli facilmente. Per questo, piuttosto che optare per le librerie verticali, è preferibile scegliere librerie sospese a sviluppo orizzontale o contenitori sospesi posizionati a meno di mezzo metro da terra. Le librerie verticali, infatti, sono molto scomode per chi è sulla sedia a rotelle o per chi usa le stampelle: gli oggetti che si trovano in alto sono inaccessibili senza un aiuto e quelli troppo in basso sono molto difficili da afferrare.

Vivere gli ambienti senza timori: bagni e cucina sicuri e accessibili a tutti

Bagno e cucina sono due ambienti essenziali in una casa, ma sono anche fra i più pericolosi. È in queste due stanze che si verificano moltissimi incidenti domestici, quindi è molto importante scegliere arredi e rivestimenti che limitino al massimo i rischi.

Sia per il vostro bagno al primo piano sia per quello al piano terra, quando presente, scegliete una pavimentazione anti-scivolo e studiate la disposizione di sanitari e arredi in modo da permettere a tutti di muoversi senza difficoltà. La porta di queste stanze dovrebbe aprirsi verso l’esterno così, in caso di incidente, chi è fuori può entrarvi senza mettere in pericolo l’infortunato. Miscelatori a leva, corrimano e campanello d’allarme sono altri utili accorgimenti per rendere il bagno più sicuro e accessibile.

E la cucina?

Per molti è il “cuore” della casa, ma se non è sicura e strutturata in modo da impedire ad alcuni membri della famiglia di viverla liberamente, la sua funzione conviviale viene meno. Infatti, gradini di accesso, pensili e piani di lavoro troppo alti, contenitori ed elettrodomestici difficili da raggiungere non sono solo ostacoli fisici, ma vere proprie barriere alla condivisione di momenti importanti nella vita di tutti noi.

Fortunatamente in commercio esistono soluzioni che vi aiuteranno a trasformare la vostra cucina in un ambiente sicuro e alla portata di tutti, come i piani di lavoro e i tavoli regolabili, che permettono anche a chi è in carrozzina di poter cucinare, o i pensili scorrevoli azionati da un telecomando che li abbassa e li solleva al bisogno.

Anche in cucina, come in bagno, lo spazio dev’essere pensato per non ostacolare chi ha difficoltà a muoversi, perciò è consigliabile disporre gli arredi al centro della stanza invece che in modo lineare, privilegiando mobili arrotondati e carrelli estraibili.

La decisione è presa e avete già in mente alcune modifiche per rendere più accessibile la vostra abitazione su due piani? Oggi esistono diversi contributi e agevolazioni fiscali che possono aiutarvi ad abbattere le barriere architettoniche, contenendo le spese e a far sì che la vostra abitazione su due livelli diventi una casa confortevole per tutta la famiglia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *